Il regista Tornatore sul lago d’Orta in estate per girare “The Corrispondence”

La decisione dopo due sopralluoghi in Piemonte: il regista siciliano darà vita a un lungometraggio di respiro internazionale nel Cusio. Primi ciak a marzo 2015.

Il maestro Giuseppe Tornatore gira un film sul lago d’Orta. A un anno di distanza dal successo internazionale de «La migliore offerta» con Geoffrey Rush mattatore, il regista siciliano, premio Oscar per «Nuovo Cinema Paradiso», si accinge a tornare dietro la macchina da presa.

Darà vita a un altro lungometraggio di respiro internazionale come raramente avviene per un cinema italiano sempre limitato al proprio microcosmo: il film s’intitolerà «The Corrispondence» e verrà girato come il precedente in lingua inglese e con un cast internazionale che al momento è ancora segreto. La pellicola sarà girata per tre settimane in estate in località sul lago d’Orta.

Il primo ciak in Piemonte è previsto nei primi giorni di luglio con il supporto della Film Commission mentre l’inizio di riprese è fissato in giugno in Scozia a Edimburgo. Il regista ha deciso di realizzare una parte del suo nuovo lavoro nel Cusio dopo i due sopralluoghi, il primo dei quali già in febbraio, effettuati con il location manager piemontese Stefano Masera.

«Per noi – sottolinea Paolo Damilano, presidente della Film Commission Torino Piemonte – è una grande soddisfazione riuscire a portare un premio Oscar come Tornatore a girare un film nella nostra regione».

Poche le notizie che trapelano su questa produzione della Paco Cinematografica e Warner.

Unico dato certo è la colonna sonora firmata da Ennio Morricone come i precedenti lavori del regista originario di Bagheria. Per quanto riguarda la trama, si tratta di una storia d’amore tra un professore e una giovane allieva.

Per un mese l’isola di San Giulio diventerà un grande set. Inizieranno il 30 marzo le riprese di «The Correspondence», il nuovo film di Giuseppe Tornatore che sarà girato in Italia, Scozia e Inghilterra. Il primo ciak è previsto ad Orta.

Tornatore ha scelto come location principale del film l’isola di San Giulio. La storia è quella di Amy (interpretata da Olga Kurylenko), studentessa universitaria che nel tempo libero fa la controfigura per la televisione e il cinema nelle scene d’azione, ed è perseguitata da un tremendo senso di colpa. Sarà il suo professore di astrofisica, l’attore Jeremy Irons, ad aiutarla a ritrovare l’equilibrio.

Tra ville e vicoli

All’isola Tornatore girerà molte scene in una splendida villa d’epoca, di proprietà dell’ex assessore al bilancio Massimo Marchesi, e al ristorante San Giulio; qualche scena verrà girata anche nei vicoli del centro storico del paese.«Tornatore è venuto la prima volta a vedere la casa – racconta Marchesi – un anno fa, insieme all’aiuto regista e al produttore. Fece moltissime foto e poi per qualche mese non abbiamo più saputo niente. Due mesi fa è tornato e ha confermato la scelta. Il suo aiuto regista mi ha detto che Tornatore è rimasto affascinato l’anno scorso, prima di effettuare i sopralluoghi, da una fotografia dell’isola in una giornata molto nebbiosa, in cui sembrava che sorgesse dal lago e dalle nubi. La scelta di Orta è nata in quell’occasione, e probabilmente le visite che poi ha effettuato gli hanno confermato che si trattava di un ambiente adeguato per il film».

Se il ciak inizierà il 30 marzo, già la settimana precedente cominceranno i trasferimenti all’isola dei macchinari e di tutto il materiale per la scenografia con le imbarcazioni.

Vetrina internazionale

«Per Orta – commenta il sindaco Giorgio Angeleri – è un’occasione importante di promozione internazionale, vista la fama e la bravura del regista e degli attori, e l’isola resta il nostro biglietto da visita più prestigioso. Ho già avvertito le suore che avranno un mese di aprile un pò movimentato, ma credo che ne valga la pena».

Tutti gli alberghi di Orta hanno già il tutto esaurito per l’ultima settimana di marzo e l’intero mese di aprile; dovranno infatti ospitare gli attori e la troupe. Lavoro a tempo pieno anche per i motoscafisti che dovranno fare la spola tra Orta e l’isola.

cit. La Stampa – Torino.

Cercate una location sul lago d’Orta, per un film, un set fotografico, un catalogo o un video promo?

contattaci per trovare la location adatta al tuo evento

info@lagomaggioreguide.com tel. +39 0323 922 917  mobile +39 348 82 58 398